Varlin. L'ironia, la cenere, il niente. Catalogo delle mostra (Legnano, 5 maggio-1 luglio 2007) PDF

Recuperandoiltempo.it Varlin. L'ironia, la cenere, il niente. Catalogo delle mostra (Legnano, 5 maggio-1 luglio 2007) Image
Nel trentennale della morte e della sua prima importante mostra italiana, curata da Giovanni Testori, Palazzo Leone da Perego (Legnano) dedica un'ampia antologica al maestro zurighese Willy Varlin (1900-1977), fra le più importanti e influenti voci del Novecento europeo. Il volume monografico raccoglie oltre cinquanta opere del maestro, alcune delle quali inedite, come il primo lavoro giovanile, Ritratto di uomo con cappello del 1921, e l'ultimo quadro realizzato prima della scomparsa, Stare a letto del 1976. I grandi e spaziosi paesaggi italiani, le vedute di Bondo, le figure allungate ed eleganti delineano il percorso artistico di un grande poeta dell'immagine e straordinario ritrattista; a proposito dei suoi modelli, fra cui Frisch, Dürrenmatt, Cartier Bresson, Testori, l'artista scrisse: "col tempo scopro il masochismo degli intellettuali che vengono a farsi fare il ritratto da me. La loro gioia autolesionista me ne porta sempre nuovi. L'associazione dei danneggiati di Varlin annovera nomi sempre più illustri". A introduzione del catalogo sono ordinati testi di Flavio Arensi, Stefano Crespi, Friedrich Dürrenmatt, Vittorio Sgarbi, Roberto Tassi, Giovanni Testori.
INFORMAZIONE
NOME DEL FILE
Varlin. L'ironia, la cenere, il niente. Catalogo delle mostra (Legnano, 5 maggio-1 luglio 2007).pdf
DATA
2007
ISBN
9788836608829

Abbiamo conservato per te il libro Varlin. L'ironia, la cenere, il niente. Catalogo delle mostra (Legnano, 5 maggio-1 luglio 2007) dell'autore none in formato elettronico. Puoi scaricarlo dal nostro sito web recuperandoiltempo.it in qualsiasi formato a te conveniente!

Le migliori offerte per Varlin L'ironia, la cenere, il niente - Silvana Editoriale Milano 2007 sono su eBay Confronta prezzi e caratteristiche di prodotti nuovi e usati Molti articoli con consegna gratis!

Il progetto di Flavio Arensi e Patrizia Guggenheim comincia direttamente dalla lezione testoriana, fin da titolo, L'ironia, la cenere, il niente, che prende il nome dal saggio che il gran maestro lombardo scrisse per il catalogo che accompagnava l'appuntamento alla Rotonda di via Besana.