La vita in tempo di pace PDF

Recuperandoiltempo.it La vita in tempo di pace Image
L'ingegner Ivo Brandani è sempre vissuto in tempo di pace. Quando il libro comincia, il 29 maggio 2015, Ivo ha sessantanove anni, è disilluso, arrabbiato, morbosamente attaccato alla vita. Lavora per conto di una multinazionale a un progetto segreto e sconcertante, la ricostruzione in materiali sintetici della barriera corallina del Mar Rosso: quella vera sta morendo per l'inquinamento atmosferico. Nel limbo sognante di un viaggio di ritorno dall'Egitto, si ricompongono a ritroso le varie fasi della sua esistenza di piccolo borghese: la decadenza profonda degli anni Duemila, i soprusi e le ipocrisie di un Paese travolto dal servilismo e dalla burocrazia, il sogno illusorio di un luogo incontaminato e incorruttibile, l'Egeo. E poi, ancora indietro nel tempo, le lotte studentesche degli anni Sessanta, la scoperta dell'amore e del sesso, fino ad arrivare al mondo barbarico del dopoguerra, in cui Brandani ha vissuto gli incubi e le sfide della prima infanzia. Chirurgico e torrenziale, divagante e avvincente, "La vita in tempo di pace" racconta, dal punto di vista di un antieroe lucidissimo, la storia del nostro Paese e le contraddizioni della nostra borghesia: le debolezze, le aspirazioni, gli slanci e le sporcizie, quel che ci illudevamo di essere e quel che alla fine, nostro malgrado, siamo diventati.
INFORMAZIONE
NOME DEL FILE
La vita in tempo di pace.pdf
DATA
2019
ISBN
9788833313290

Scarica l'e-book La vita in tempo di pace in formato pdf. L'autore del libro è Francesco Pecoraro. Buona lettura su recuperandoiltempo.it!

Nulla da eccepire, La vita in tempo di pace può davvero essere considerato l'Underworld "nostrano": oltre 60 anni di storia peninsulare (e non solo) raccontati lungo il percorso a ritroso della memoria di un uomo, l'ingegnere-filosofo Brandani, che ha vissuto a sufficienza per essere irritato e deluso dai suoi consimili e da se stesso.

"La vita in tempo di pace" di Francesco Pecoraro, uscito da pochi giorni in Francia da Lattès, è nella selezione del premio Femina étranger, assieme ad Atwood, Whitehead, Knausgard e altri nove romanzi. E' una buonissima notizia per la narrativa italiana, mi pare.