Prendersi cura di un anziano fragile. Guida pratica per il caregiver familiare PDF

Recuperandoiltempo.it Prendersi cura di un anziano fragile. Guida pratica per il caregiver familiare Image
Queste pagine sono dedicate a chi si sta prendendo cura, o prevede di farlo presto, di una persona anziana con molteplici fragilità. Si tratta di momenti confusi e difficili che si ripercuotono sulla gestione del quotidiano sia di chi ha bisogno di aiuto sia della persona che si dedica alla sua assistenza, il caregiver. Il libro si rivolge con suggerimenti molto pratici a una tipologia specifica di caregiver: i familiari o i soggetti vicini all'anziano non autosufficiente che si prendono cura di lei o lui, e offre utili consigli su come non soccombere mentre ci si occupa degli altri, pensando anche ai propri bisogni e al proprio benessere. Il volume dà inoltre indicazioni su come destreggiarsi fra farmaci, «badanti» e burocrazia. Un capitolo è dedicato al percorso che è necessario affrontare nel momento in cui la persona anziana non potrà più prendere decisioni in piena consapevolezza e un breve glossario consente di interfacciarsi con maggiore consapevolezza con servizi, uffici e professionisti socio-sanitari.
INFORMAZIONE
NOME DEL FILE
Prendersi cura di un anziano fragile. Guida pratica per il caregiver familiare.pdf
DATA
2020
ISBN
9788859020882

Scarica l'e-book Prendersi cura di un anziano fragile. Guida pratica per il caregiver familiare in formato pdf. L'autore del libro è Giulia Avancini. Buona lettura su recuperandoiltempo.it!

Giulia Avancini, autrice del libro "Prendersi cura di un anziano fragile.Guida pratica per il caregiver familiare" (Erickson), afferma che «prima di tutto è importante non mentire al proprio caro: spesso, anche in altre situazioni e per altri aspetti della quotidianità, il caregiver potrebbe pensare che dire una bugia sia la soluzione più veloce e semplice per evitare il problema e per ...

la cura della casa.. In Italia, il caregiver familiare dedica in media circa sette ore al giorno all'assistenza diretta (preparare il cibo, alimentare, lavare, cambiare l'assistito) a cui vanno ad aggiungersi undici ore di sorveglianza (quando l'anziano è a letto, dorme, ma va controllato).