Dalla Chiesa monarchica al conciliarismo episcopale PDF

Recuperandoiltempo.it Dalla Chiesa monarchica al conciliarismo episcopale Image
Cristo ha fatto della chiesa una monarchia assoluta, che non può essere trasformata in monarchia costituzionale come ha fatto la dottrina della collegialità episcopale del Concilio Vaticano II. Un disordine pratico (un papa incapace che semina il caos nell'ambiente ecclesiale) non si corregge, infatti, con un grave errore teologico per di più ereticale: la superiorità del concilio sul papa (conciliarismo). Così facendo si distrugge la costituzione divina della chiesa come monarchia fondata da Gesù su uno solo (Pietro e i suoi successori) e la si rimpiazza con una costituzione aristocratica. Il papa sarebbe come un re costituzionale, che può essere giudicato, corretto e rimosso dall'episcopato (riunito in concilio o sparso nel mondo), che è superiore al papa come il tutto è superiore ad una singola parte. Ma senza il capo o il vicario di Cristo, la chiesa si dissolverebbe, si disperderebbe poiché sarebbe un gregge senza il pastore. Inoltre crollerebbe poiché le mancherebbe il fondamento su cui posa. Chi pertanto vuole una chiesa e un papato sempre ideale rischia di vivere in una chiesa e in un papato virtuale, che è irreale.
INFORMAZIONE
NOME DEL FILE
Dalla Chiesa monarchica al conciliarismo episcopale.pdf
DATA
2016
ISBN
9788885223929

Scarica l'e-book Dalla Chiesa monarchica al conciliarismo episcopale in formato pdf. L'autore del libro è Curzio Nitoglia. Buona lettura su recuperandoiltempo.it!

Dalla Chiesa monarchica alla "chiesa conciliare": ... contro il concetto di Conciliarismo va individuata nel Concilio di Firenze ... La consacrazione episcopale conferisce pure, con l'ufficio di santificare, gli uffici di insegnare e governare, i quali però, per loro natura, ...

conciliarismo Con uso proprio, la dottrina politica di una subordinazione del papa ai fedeli (ai loro rappresentanti adunati in concilio). In senso lato, la teoria secondo cui al concilio ecumenico, superiore al papa, sarebbe affidata la suprema potestà ecclesiastica.