Io con tu. Karl Löwith e la possibilità di una mitanthropologie PDF

Recuperandoiltempo.it Io con tu. Karl Löwith e la possibilità di una mitanthropologie Image
Percorrere fino in fondo un "sentiero interrotto". Tale è lo spirito con cui il presente studio si approccia al pensiero di Karl Lowith, ponendo al centro della propria disamina il suo scritto di abilitazione (L'individuo nel ruolo del co-uomo, 1928), nella convinzione che un confronto serrato con esso - una sua lettura interpretante - possa condurre alla piena esplicitazione di una prospettiva teorica la cui fertilità è stata, in parte dallo stesso autore, storicamente disattesa. Viene in tal modo a delinearsi il paradigma speculativo della Mitanthropologie (Antropologia del Con), che mira ad offrire una prospettiva innovatrice tanto in relazione al percorso fUosofico lowithiano - proponendone un'interpretazione compiuta e complessiva proprio sub specie antropologica - quanto in un orizzonte più ampio che, per il tramite di un'analisi fenomenologica del Miteinandersein ("essere-l'uno-con-l'altro") - ulteriormente arricchita dal confronto con il mondo di maschere pirandelliano, ponga in relazione tale percorso con due significative esperienze che negli stessi anni dello scritto di abilitazione lowithiano muovevano i loro primi passi: il dialogismo di Martin Buber e, soprattutto, l'antropologia filosofica di Scheler, Plessner e Gehlen.
INFORMAZIONE
NOME DEL FILE
Io con tu. Karl Löwith e la possibilità di una mitanthropologie.pdf
DATA
2010
ISBN
9788860426963

Scarica l'e-book Io con tu. Karl Löwith e la possibilità di una mitanthropologie in formato pdf. L'autore del libro è none. Buona lettura su recuperandoiltempo.it!

-, Un saggio di Habermars su Löwith, in "Teoria politica", XVIII, 1, 2002, pp. 95-106. Cera A., Io con tu. Karl Löwith e la possibilità di una Mitanthropologie, Guida, Napoli 2010. -, Il pensiero allo specchio. Sull'intervista di Karl Löwith a "Der Spiegel", Postfazione a Löwith K., A che scopo la filosofia oggi?

Löwith insiste per questo su di un significato eminentemente patico-- come nota A. Cera -- della sua fenomenologia, in una sorta di filologia di quanto di umanamente umano si cela dietro questo particolare fenomeno; certamente un metodo fenomenologico sui generis, ma che è forse la condizione di possibilità di una effettuale dinamica relazionale tra l'io ed il tu.